Sesto posto olimpico

agosto 6, 2016

E’ una gioia a metà quella di Fabio Aru per il risultato ottenuto alla sua prima Olimpiade. Al traguardo di Rio de Janeiro giunge al sesto posto, ma la sua Nazionale manca il podio dopo una corsa perfetta. I piani e i sogni del ct Davide Cassani e degli Azzurri si sono infranti a 11 km dall’arrivo, quando il capitano Vincenzo Nibali scivola lungo la discesa ed è costretto al ritiro.

Fino a quel momento almeno un posto sul podio per l’Italia sembrava scontato. Frutto del grande lavoro messo in atto da ogni singolo componente del team, con Fabio pronto nel momento decisivo ad attaccare insieme al suo compagno di squadra all’Astana al secondo giro del circuito di Vista Chinesa, disorientando gli avversari e propiziando il finale ideale per dare l’assalto all’oro. Invece il Cavaliere dei Quattro Mori si trova a fare i conti con un’ultima parte di corsa da incubo, quando dopo una ventina di secondi giunge sul luogo della caduta di Nibali e lo vede a terra dolorante. Una scena che lascia impietrito Aru, a quel punto rimasto con il gruppetto dei migliori all’inseguimento di Majka, uscito indenne dalla discesa che in un colpo solo ha eliminato oltre al siciliano anche Henao.

Ai -5 km lo scatto di Van Avermaet e Fuglsang, che riusciranno a riprendere un esausto Majka (bronzo) e a giocarsi in volata rispettivamente l’oro e l’argento. Fabio aveva tentato di rimanere agganciato all’altro suo compagno all’Astana, ma le tante energie spese non glielo hanno consentito. Taglierà il traguardo una ventina di secondi dopo, preceduto da Alaphilippe e Rodriguez, con loro anche Meintjes. Un risultato lodevole, ma Aru non riesce a darsi pace per quanto accaduto a Nibali: “Sono davvero dispiaciuto per lui. Non doveva andare così. La nostra è stata una squadra perfetta e avevamo la gara in mano. Penso che questa Nazionale abbia onorato la maglia Azzurra. Tutto è stato fatto alla perfezione. Eravamo uniti, affiatati, sembravamo cinque fratelli. Sono fiero di aver fatto parte di questo gruppo. Cercherò di consolarmi pensando a questo, anche se il rammarico è forte”.

Tags: Fabio Aru Italia Nazionale Olimpiadi Rio
Categoria: Gare

I commenti sono chiusi.