Buoni segnali dalla Parigi-Nizza

marzo 12, 2015

Un buon ottavo posto conquistato al termine della quarta tappa, vale un bell’esordio di stagione per il giovane dell’Astana, che alla prima occasione utile (le prime tre tappe erano per velocisti) si è messo in evidenza. L’arrivo era infatti posizionato al culmine di una salita di circa 10 km con il 6,7% di pendenza, che i corridori affrontavano dopo una serie di altre asperità. Aru è riuscito a tenere il passo dei più forti, arrivando al traguardo di Croix de Chaubouret con 24” di ritardo dal vincitore Richie Porte. Fabio può ritenersi più che soddisfatto quindi di questo primo test, visto che gli avversari hanno già km di corsa nelle gambe quest’anno. A Fabio Aru anche il privilegio di indossare la maglia bianca della speciale classifica dei migliori giovani in corsa, essendo secondo alle spalle del campione del mondo Kwiatkwoski leader della classifica generale.

 

I commenti sono chiusi.